Passa ai contenuti principali

Buoni propositi per il 2013: anche Google non resiste e stila la sua lista


Fare buoni propositi è uno dei miei buoni propositi. Ogni anno.
Quando ero più giovincella, il 1 gennaio mi sedevo tutta diligente alla mia scrivania e buttavo giù la lista dei buoni propositi, dei progetti, delle cose che avrei voluto fare.

Qualche tempo fa, mi è capitato di ritrovare per caso una di quelle liste e non mi è venuto da ridere - strano! - ma ho capito che non è proprio cosa mia. Le liste, intendo.
Difficilmente riesco a rispettare perfino la lista della spesa, tanto è vero che l'ultima volta, per renderla più interessante, ho disegnato le cose segnate interpretandole come un fumetto. Nemmeno questo mi ha incentivato a seguire la lista. Vabbè.

Niente di nuovo, comunque. Uno dei luoghi comuni di questo periodo - oltre agli auguri strappalacrime con foto di bambino africano/clochard/presepe/coniglietta di Playboy - è proprio quello di vantarsi di non mantenere i buoni propositi. Ed è forse l'unica verità che siamo disposti ad ammettere.

Nel caso non abbiate idee su quali buoni propositi trasgredire, fatevi un giro sulla mappa interattiva di Google per leggere tutti i "giuro-che-lo-farò" che le persone di tutto il mondo vogliono affidare al cyber spazio. Dopo aver dato spazio allo spirito del tempo, il motore di ricerca più importante offre la possibilità di consultare quello che vogliono gli altri e, magari, smettere di credere di essere così originali nel desiderare la pace nel mondo e un nuovo criceto nella gabbietta vuota ormai da troppo tempo. Ovviamente, potete anche copiare.

Io ho lasciato la pagina aperta per una decina di minuti e mi sono divertita a veder cadere pallini colorati - ogni argomento ha un colore - in ogni dove. Buoni propositi che sorgono dappertutto, in ogni momento.

Per quanto mi riguarda, piuttosto che scrivere una lista di buoni propositi e poi cercare di mantenerli, mi impegnerò a realizzare più cose possibili, e poi magari scriverne. Ma non è un buon proposito anche questo?! Temo di sì.

Intanto, vorrei leggere un pò più poesie e ho iniziato con questa dal titolo "Propositi d'amore per l'anno nuovo" di un anonimo poeta tzigano. Avete visto? Già sono a buon punto!



Di gennaio vi amerò per la vostra fronte,
bianca e ampia come una chiostra di montagne.
Di febbraio vi amerò per le vostre ciglia,
leggere e morbide come il pelo del capriolo.
Di marzo vi amerò per le vostre labbra,
tenere e rosse come la scorza del sole alto nel cielo.
D’aprile vi amerò per il vostro seno,
che è rotondo e dolce come la mela selvatica.
Di maggio vi amerò per il vostro ventre,
che è morbido e sinuoso come un anfratto tra le colline.
Di giugno vi amerò per le vostre gambe,
che sono alte e flessuose come le colonne tortili del portico.
Di luglio vi amerò per i vostri piedi,
bianchi e timidi come le ninfee socchiuse sullo stagno.
Di agosto vi amerò per la vostra voce,
roca e fonda come l’acqua ribollente dei torrenti.
Di settembre vi amerò per il vostro sorriso,
misterioso e sfuggente come il ventaglio delle nostre madri.
D’ottobre vi amerò per i vostri genitori,
che mi hanno fatto il regalo di mettervi al mondo.
Di novembre vi amerò per la vostra promessa,
che mi sposerete al calare della terza luna.
Di dicembre vi amerò per la vostra fedeltà,
perché amerete me, soltanto me, sino alla fine dei giorni.





Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…