Passa ai contenuti principali

Buoni propositi per il 2013: anche Google non resiste e stila la sua lista


Fare buoni propositi è uno dei miei buoni propositi. Ogni anno.
Quando ero più giovincella, il 1 gennaio mi sedevo tutta diligente alla mia scrivania e buttavo giù la lista dei buoni propositi, dei progetti, delle cose che avrei voluto fare.

Qualche tempo fa, mi è capitato di ritrovare per caso una di quelle liste e non mi è venuto da ridere - strano! - ma ho capito che non è proprio cosa mia. Le liste, intendo.
Difficilmente riesco a rispettare perfino la lista della spesa, tanto è vero che l'ultima volta, per renderla più interessante, ho disegnato le cose segnate interpretandole come un fumetto. Nemmeno questo mi ha incentivato a seguire la lista. Vabbè.

Niente di nuovo, comunque. Uno dei luoghi comuni di questo periodo - oltre agli auguri strappalacrime con foto di bambino africano/clochard/presepe/coniglietta di Playboy - è proprio quello di vantarsi di non mantenere i buoni propositi. Ed è forse l'unica verità che siamo disposti ad ammettere.

Nel caso non abbiate idee su quali buoni propositi trasgredire, fatevi un giro sulla mappa interattiva di Google per leggere tutti i "giuro-che-lo-farò" che le persone di tutto il mondo vogliono affidare al cyber spazio. Dopo aver dato spazio allo spirito del tempo, il motore di ricerca più importante offre la possibilità di consultare quello che vogliono gli altri e, magari, smettere di credere di essere così originali nel desiderare la pace nel mondo e un nuovo criceto nella gabbietta vuota ormai da troppo tempo. Ovviamente, potete anche copiare.

Io ho lasciato la pagina aperta per una decina di minuti e mi sono divertita a veder cadere pallini colorati - ogni argomento ha un colore - in ogni dove. Buoni propositi che sorgono dappertutto, in ogni momento.

Per quanto mi riguarda, piuttosto che scrivere una lista di buoni propositi e poi cercare di mantenerli, mi impegnerò a realizzare più cose possibili, e poi magari scriverne. Ma non è un buon proposito anche questo?! Temo di sì.

Intanto, vorrei leggere un pò più poesie e ho iniziato con questa dal titolo "Propositi d'amore per l'anno nuovo" di un anonimo poeta tzigano. Avete visto? Già sono a buon punto!



Di gennaio vi amerò per la vostra fronte,
bianca e ampia come una chiostra di montagne.
Di febbraio vi amerò per le vostre ciglia,
leggere e morbide come il pelo del capriolo.
Di marzo vi amerò per le vostre labbra,
tenere e rosse come la scorza del sole alto nel cielo.
D’aprile vi amerò per il vostro seno,
che è rotondo e dolce come la mela selvatica.
Di maggio vi amerò per il vostro ventre,
che è morbido e sinuoso come un anfratto tra le colline.
Di giugno vi amerò per le vostre gambe,
che sono alte e flessuose come le colonne tortili del portico.
Di luglio vi amerò per i vostri piedi,
bianchi e timidi come le ninfee socchiuse sullo stagno.
Di agosto vi amerò per la vostra voce,
roca e fonda come l’acqua ribollente dei torrenti.
Di settembre vi amerò per il vostro sorriso,
misterioso e sfuggente come il ventaglio delle nostre madri.
D’ottobre vi amerò per i vostri genitori,
che mi hanno fatto il regalo di mettervi al mondo.
Di novembre vi amerò per la vostra promessa,
che mi sposerete al calare della terza luna.
Di dicembre vi amerò per la vostra fedeltà,
perché amerete me, soltanto me, sino alla fine dei giorni.





Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…