Passa ai contenuti principali

Se la profezia Maya del 21 dicembre 2012 dovesse essere vera...


Se la profezia Maya del 21 dicembre 2012 dovesse essere vera, alle 11.11 (pare che ho letto da qualche parte), dobbiamo tirare giù le saracinesche e tanti saluti.

Siete tra gli ottimisti, che sperano che il mondo finisca? O siete tra i pessimisti, che dicono che domani stiamo ancora qua tutti?
Voi avete risolto le questioni in sospeso che avevate? Avete preparato le scorte? Io no.
Quest'anno, per me, il mondo è già finito e ricominciato varie volte, e da stamattina già ho saputo di due eventi non proprio piacevoli, non apocalittici, eh, ma comunque nemmeno il desiderio che si esprime quando si soffiano le candeline sulla torta di compleanno.

Che poi è inevitabile riflettere su alcune cose.
Non è che dobbiamo per forza vedere un meteorite o un Godzilla  risvegliato dalle viscere della terra dalla sveglia Maya, per capire che le cose non vanno bene e che la dobbiamo smettere. Con cosa? Con tutto quello che, se non è oggi, ma domani sicuramente ci porterà a soccombere. E non alla profezia Maya, ma all'idiozia umana.

Google mi ha fatto sorridere. Volendo fare il doodle ad ogni costo, non se l'è sentita di farlo per la fine del mondo, non sia mai che lo avesse fatto su una cosa così politically uncorrect come la morte della popolazione mondiale. Così lo ha fatto sulla fine del calendario Maya. Che è un altro punto di vista, tutto differente. In effetti, chi mai l'ha consultato 'sto calendario Maya?! La maggior parte di noi non si era fatta proprio il problema, fin quando non hanno messo in mezzo questo fatto che stava per finire. Vabbè.

In ogni caso, non vi lascio con i saluti definitivi, nè con il rammarico di non avervi detto quello che volevo.

Se allo scattare della mezzanotte non vi abbandonate a bagordi esagerati per la mancata fine del mondo, e domani  siete in condizione di camminare, passate da me, che faccio i biscotti. 
Vi posso assicurare, quelli sì, che sono la fine del mondo!



P.S.: Quello nella foto è il calendario Maya, non la formina dei miei biscotti... purtroppo!

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…