Passa ai contenuti principali

Se la profezia Maya del 21 dicembre 2012 dovesse essere vera...


Se la profezia Maya del 21 dicembre 2012 dovesse essere vera, alle 11.11 (pare che ho letto da qualche parte), dobbiamo tirare giù le saracinesche e tanti saluti.

Siete tra gli ottimisti, che sperano che il mondo finisca? O siete tra i pessimisti, che dicono che domani stiamo ancora qua tutti?
Voi avete risolto le questioni in sospeso che avevate? Avete preparato le scorte? Io no.
Quest'anno, per me, il mondo è già finito e ricominciato varie volte, e da stamattina già ho saputo di due eventi non proprio piacevoli, non apocalittici, eh, ma comunque nemmeno il desiderio che si esprime quando si soffiano le candeline sulla torta di compleanno.

Che poi è inevitabile riflettere su alcune cose.
Non è che dobbiamo per forza vedere un meteorite o un Godzilla  risvegliato dalle viscere della terra dalla sveglia Maya, per capire che le cose non vanno bene e che la dobbiamo smettere. Con cosa? Con tutto quello che, se non è oggi, ma domani sicuramente ci porterà a soccombere. E non alla profezia Maya, ma all'idiozia umana.

Google mi ha fatto sorridere. Volendo fare il doodle ad ogni costo, non se l'è sentita di farlo per la fine del mondo, non sia mai che lo avesse fatto su una cosa così politically uncorrect come la morte della popolazione mondiale. Così lo ha fatto sulla fine del calendario Maya. Che è un altro punto di vista, tutto differente. In effetti, chi mai l'ha consultato 'sto calendario Maya?! La maggior parte di noi non si era fatta proprio il problema, fin quando non hanno messo in mezzo questo fatto che stava per finire. Vabbè.

In ogni caso, non vi lascio con i saluti definitivi, nè con il rammarico di non avervi detto quello che volevo.

Se allo scattare della mezzanotte non vi abbandonate a bagordi esagerati per la mancata fine del mondo, e domani  siete in condizione di camminare, passate da me, che faccio i biscotti. 
Vi posso assicurare, quelli sì, che sono la fine del mondo!



P.S.: Quello nella foto è il calendario Maya, non la formina dei miei biscotti... purtroppo!

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…