Passa ai contenuti principali

Nicholas Sparks, il dolce che lascia l'amaro in bocca


Una carissima amica, qualche tempo fa, mi ha regalato un libro di Nicholas Sparks, "Il posto che cercavo" che, pur essendo stato pubblicato qualche anno fa, rispondeva ad un'esigenza di messaggio cifrato nel titolo. E di questo dobbiamo ringraziare i titolisti italiani.

La storia è bellina, spensierata, anche se con una valanga di clichè da romanzetto rosa che, se state giusto giusto un pò più nervosi e cinici, prendete, chiudete il libro e buonanotte ai suonatori.
Dicevamo: lui è un giornalista newyorkese duro e puro, molto glamour vestito sempre di nero che, per reagire ad un divorzio - con motivazioni un pò troppo crudeli per non essere classificato come un espediente attira-compassione - si lancia in tutte le conquiste femminili che gli capitano a tiro nei bar ultra fashion della metropoli. Per un articolo, va in una cittadina di provincia del profondo Sud, dove si conoscono tutti, dove tutti parlano di tutti (no, non è la vostra città... anche io pensavo fosse la mia!) e dove si nasconde un mistero (appena avete letto la parola mistero, confessatelo, vi è venuta voglia di leggerlo, vero?).

Qui, la bibliotecaria attira la sua attenzione (ovviamente) ed io ho iniziato a chiedermi fin dove si spingesse la  mia voglia di "happy ending". Evidentemente avevo davvero tantissima voglia di qualcosa che finisse bene e ho continuato a leggere. Perchè era tutto così scontato, così buonista, così "vogliochetuttofiniscacomeinunromanzo" che in altri momenti avrei usato il libro per incartare la gabbietta del criceto.

Com'è. Come non è. Sono arrivata alla fine. Squilli di trombe, gioia, tripudio. Esiste davvero un posto per tutti. Nel mondo. Nella vita. Nell'universo.
Purtroppo il libro aveva fatto danni. E me ne sono accorta solo quando mi sono trovata in mano il seguito e, quasi in trance, ho preso i soldi per pagarlo. Ebbene sì, il libro ha un seguito che si chiama "Ogni giorno della mia vita". E mi sono detta: "Ok, era finito bene il primo, ora si ribadirà che stanno insieme per sempre, ogni giorno della loro vita, appunto". Appunto un emerito ciufolo!

Cioè cosa ha pensato di fare l'autore? Prima ha scritto un libro col lieto fine (che già per lui è una novità: vedi I passi dell'amore e Le pagine della nostra vita, tra gli altri) poi però ci ha ripensato, ha detto: "Ma perchè mo' voi lettori vi dovete beare che la vita è bella, l'amore è eterno e i sandwich degli autogrill non sono di polistirolo colorato con i pennarelli?! Ve la dò io la realtà!". E così, quanto più poteva sottrarre di felicità e favola, tanto ha sottratto e anche di più.
No, la trama non ve la voglio dire, perchè sto ancora operando un processo di rimozione dal mio subconscio. Mi ha rovinato un pomeriggio, questo è quanto.

Che poi se Nicholas Sparks mi potesse leggere (ok, vorrebbe leggermi in inglese, ma se vuole poi gli traduco tutto) io una mezza verità gliela vorrei confidare, da lettrice ad autore.
"Nico', ma secondo te se io mi volevo leggere la realtà e abboffarmi di pianto e rimanere con un groppo in gola che se ci penso mi metto ancora a piangere, spendevo i soldi di un libro che per definizione di "romanzo rosa" mi deve far vedere tutto rosa o accendevo il telegiornale e là sì che mi veniva una crisi di lacrime e rabbia?!".

Vabbuò, ti avevo dato una seconda possibilità e mo' me la riprendo. E basta.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…