Passa ai contenuti principali

Nicholas Sparks, il dolce che lascia l'amaro in bocca


Una carissima amica, qualche tempo fa, mi ha regalato un libro di Nicholas Sparks, "Il posto che cercavo" che, pur essendo stato pubblicato qualche anno fa, rispondeva ad un'esigenza di messaggio cifrato nel titolo. E di questo dobbiamo ringraziare i titolisti italiani.

La storia è bellina, spensierata, anche se con una valanga di clichè da romanzetto rosa che, se state giusto giusto un pò più nervosi e cinici, prendete, chiudete il libro e buonanotte ai suonatori.
Dicevamo: lui è un giornalista newyorkese duro e puro, molto glamour vestito sempre di nero che, per reagire ad un divorzio - con motivazioni un pò troppo crudeli per non essere classificato come un espediente attira-compassione - si lancia in tutte le conquiste femminili che gli capitano a tiro nei bar ultra fashion della metropoli. Per un articolo, va in una cittadina di provincia del profondo Sud, dove si conoscono tutti, dove tutti parlano di tutti (no, non è la vostra città... anche io pensavo fosse la mia!) e dove si nasconde un mistero (appena avete letto la parola mistero, confessatelo, vi è venuta voglia di leggerlo, vero?).

Qui, la bibliotecaria attira la sua attenzione (ovviamente) ed io ho iniziato a chiedermi fin dove si spingesse la  mia voglia di "happy ending". Evidentemente avevo davvero tantissima voglia di qualcosa che finisse bene e ho continuato a leggere. Perchè era tutto così scontato, così buonista, così "vogliochetuttofiniscacomeinunromanzo" che in altri momenti avrei usato il libro per incartare la gabbietta del criceto.

Com'è. Come non è. Sono arrivata alla fine. Squilli di trombe, gioia, tripudio. Esiste davvero un posto per tutti. Nel mondo. Nella vita. Nell'universo.
Purtroppo il libro aveva fatto danni. E me ne sono accorta solo quando mi sono trovata in mano il seguito e, quasi in trance, ho preso i soldi per pagarlo. Ebbene sì, il libro ha un seguito che si chiama "Ogni giorno della mia vita". E mi sono detta: "Ok, era finito bene il primo, ora si ribadirà che stanno insieme per sempre, ogni giorno della loro vita, appunto". Appunto un emerito ciufolo!

Cioè cosa ha pensato di fare l'autore? Prima ha scritto un libro col lieto fine (che già per lui è una novità: vedi I passi dell'amore e Le pagine della nostra vita, tra gli altri) poi però ci ha ripensato, ha detto: "Ma perchè mo' voi lettori vi dovete beare che la vita è bella, l'amore è eterno e i sandwich degli autogrill non sono di polistirolo colorato con i pennarelli?! Ve la dò io la realtà!". E così, quanto più poteva sottrarre di felicità e favola, tanto ha sottratto e anche di più.
No, la trama non ve la voglio dire, perchè sto ancora operando un processo di rimozione dal mio subconscio. Mi ha rovinato un pomeriggio, questo è quanto.

Che poi se Nicholas Sparks mi potesse leggere (ok, vorrebbe leggermi in inglese, ma se vuole poi gli traduco tutto) io una mezza verità gliela vorrei confidare, da lettrice ad autore.
"Nico', ma secondo te se io mi volevo leggere la realtà e abboffarmi di pianto e rimanere con un groppo in gola che se ci penso mi metto ancora a piangere, spendevo i soldi di un libro che per definizione di "romanzo rosa" mi deve far vedere tutto rosa o accendevo il telegiornale e là sì che mi veniva una crisi di lacrime e rabbia?!".

Vabbuò, ti avevo dato una seconda possibilità e mo' me la riprendo. E basta.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…