Passa ai contenuti principali

I luoghi comuni della cultura... e non solo!


I luoghi comuni sono quelle isole del linguaggio - e purtroppo del pensiero - dove si incappa, spesso anche senza volerlo, e che rendono prigionieri di una spirale crescente e autodistruttiva.
Secondo Wikipedia:

Un luogo comune è un'opinione (non necessariamente "vera") o un concetto la cui diffusione, ricorrenza o familiarità ne determinano l'ovvietà o l'immediata riconoscibilità. In letteratura è detto tòpos e indica il ricorrere di un tema in un autore o in un genere letterario o artistico. Il termine deriva dalla locuzione latina locus communis, la piazza (il forum), dove le persone si incontravano e conversavano. Oltre a non essere stabile nel tempo, la diffusione di un luogo comune non è necessariamente omogenea nella popolazione: può infatti essere limitata a gruppi in base a culture, interessi, professioni, orientamenti politici.

Nel web, i luoghi comuni fioriscono come funghi dopo un temporale - anche questo è un luogo comune! -, si nutrono degli eventi che maggiormente attraggono l'opinione pubblica e sappiamo benissimo che i social network hanno dato all'opinione comune un peso a volte spropositato.

Allora, le primarie del PD sono state il più grande strumento democratico e Renzi è un coraggioso.

Ed ecco che Benigni è per forza un grande. Non sia mai a scrivere il contrario e immediatamente rischiate il linciaggio mediatico dai vostri "amici" di Facebook e Twitter.

Poi, a Natale guai a non condividere foto di bambini malati, animali abbandonati, anziani soli e clochard che dormono sotto i ponti: vi tacceranno di essere il Grinch!

Queste cose prendono il tempo che trovano.
I luoghi comuni che più mi infastidiscono - sì, mi faccio infastidire dai luoghi comuni... luogo comune pure questo?! - però, sono quelli culturali.
Quelli secondo cui non puoi dire di aver letto certi libri altrimenti i "veri" intellettuali non ti considerano un intellettuale.
Quelli secondo cui non ti può piacere un personaggio (culturale, televisivo, musicale, dei fumetti) altrimenti sei uno sfigato
Quelli secondo cui non puoi vedere certi film, altrimenti sei un bimbominchia senza cervello.

I luoghi comuni della cultura peggiori sono quelli che le persone di cultura inventano per distruggere la cultura. Quante volte siamo stati noi stessi vittime di questi paradossi del linguaggio tradotti nella vita reale?

Per difendermi, finalmente, ho avuto l'idea (geniale?!) di dire quello che voglio, di fare quello che si avvicina di più al mio essere, e di andare solo dove credo di poter trovare qualcosa di interessante. Al di là dei luoghi comuni che la gente mi ha - mio malgrado - affibbiato. Questo è l'unico modo per scardinarli.

E che sia pure questo un luogo comune, ne sono consapevole.



foto: elaborazione mia.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…