Passa ai contenuti principali

I luoghi comuni della cultura... e non solo!


I luoghi comuni sono quelle isole del linguaggio - e purtroppo del pensiero - dove si incappa, spesso anche senza volerlo, e che rendono prigionieri di una spirale crescente e autodistruttiva.
Secondo Wikipedia:

Un luogo comune è un'opinione (non necessariamente "vera") o un concetto la cui diffusione, ricorrenza o familiarità ne determinano l'ovvietà o l'immediata riconoscibilità. In letteratura è detto tòpos e indica il ricorrere di un tema in un autore o in un genere letterario o artistico. Il termine deriva dalla locuzione latina locus communis, la piazza (il forum), dove le persone si incontravano e conversavano. Oltre a non essere stabile nel tempo, la diffusione di un luogo comune non è necessariamente omogenea nella popolazione: può infatti essere limitata a gruppi in base a culture, interessi, professioni, orientamenti politici.

Nel web, i luoghi comuni fioriscono come funghi dopo un temporale - anche questo è un luogo comune! -, si nutrono degli eventi che maggiormente attraggono l'opinione pubblica e sappiamo benissimo che i social network hanno dato all'opinione comune un peso a volte spropositato.

Allora, le primarie del PD sono state il più grande strumento democratico e Renzi è un coraggioso.

Ed ecco che Benigni è per forza un grande. Non sia mai a scrivere il contrario e immediatamente rischiate il linciaggio mediatico dai vostri "amici" di Facebook e Twitter.

Poi, a Natale guai a non condividere foto di bambini malati, animali abbandonati, anziani soli e clochard che dormono sotto i ponti: vi tacceranno di essere il Grinch!

Queste cose prendono il tempo che trovano.
I luoghi comuni che più mi infastidiscono - sì, mi faccio infastidire dai luoghi comuni... luogo comune pure questo?! - però, sono quelli culturali.
Quelli secondo cui non puoi dire di aver letto certi libri altrimenti i "veri" intellettuali non ti considerano un intellettuale.
Quelli secondo cui non ti può piacere un personaggio (culturale, televisivo, musicale, dei fumetti) altrimenti sei uno sfigato
Quelli secondo cui non puoi vedere certi film, altrimenti sei un bimbominchia senza cervello.

I luoghi comuni della cultura peggiori sono quelli che le persone di cultura inventano per distruggere la cultura. Quante volte siamo stati noi stessi vittime di questi paradossi del linguaggio tradotti nella vita reale?

Per difendermi, finalmente, ho avuto l'idea (geniale?!) di dire quello che voglio, di fare quello che si avvicina di più al mio essere, e di andare solo dove credo di poter trovare qualcosa di interessante. Al di là dei luoghi comuni che la gente mi ha - mio malgrado - affibbiato. Questo è l'unico modo per scardinarli.

E che sia pure questo un luogo comune, ne sono consapevole.



foto: elaborazione mia.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …