Passa ai contenuti principali

I luoghi comuni della cultura... e non solo!


I luoghi comuni sono quelle isole del linguaggio - e purtroppo del pensiero - dove si incappa, spesso anche senza volerlo, e che rendono prigionieri di una spirale crescente e autodistruttiva.
Secondo Wikipedia:

Un luogo comune è un'opinione (non necessariamente "vera") o un concetto la cui diffusione, ricorrenza o familiarità ne determinano l'ovvietà o l'immediata riconoscibilità. In letteratura è detto tòpos e indica il ricorrere di un tema in un autore o in un genere letterario o artistico. Il termine deriva dalla locuzione latina locus communis, la piazza (il forum), dove le persone si incontravano e conversavano. Oltre a non essere stabile nel tempo, la diffusione di un luogo comune non è necessariamente omogenea nella popolazione: può infatti essere limitata a gruppi in base a culture, interessi, professioni, orientamenti politici.

Nel web, i luoghi comuni fioriscono come funghi dopo un temporale - anche questo è un luogo comune! -, si nutrono degli eventi che maggiormente attraggono l'opinione pubblica e sappiamo benissimo che i social network hanno dato all'opinione comune un peso a volte spropositato.

Allora, le primarie del PD sono state il più grande strumento democratico e Renzi è un coraggioso.

Ed ecco che Benigni è per forza un grande. Non sia mai a scrivere il contrario e immediatamente rischiate il linciaggio mediatico dai vostri "amici" di Facebook e Twitter.

Poi, a Natale guai a non condividere foto di bambini malati, animali abbandonati, anziani soli e clochard che dormono sotto i ponti: vi tacceranno di essere il Grinch!

Queste cose prendono il tempo che trovano.
I luoghi comuni che più mi infastidiscono - sì, mi faccio infastidire dai luoghi comuni... luogo comune pure questo?! - però, sono quelli culturali.
Quelli secondo cui non puoi dire di aver letto certi libri altrimenti i "veri" intellettuali non ti considerano un intellettuale.
Quelli secondo cui non ti può piacere un personaggio (culturale, televisivo, musicale, dei fumetti) altrimenti sei uno sfigato
Quelli secondo cui non puoi vedere certi film, altrimenti sei un bimbominchia senza cervello.

I luoghi comuni della cultura peggiori sono quelli che le persone di cultura inventano per distruggere la cultura. Quante volte siamo stati noi stessi vittime di questi paradossi del linguaggio tradotti nella vita reale?

Per difendermi, finalmente, ho avuto l'idea (geniale?!) di dire quello che voglio, di fare quello che si avvicina di più al mio essere, e di andare solo dove credo di poter trovare qualcosa di interessante. Al di là dei luoghi comuni che la gente mi ha - mio malgrado - affibbiato. Questo è l'unico modo per scardinarli.

E che sia pure questo un luogo comune, ne sono consapevole.



foto: elaborazione mia.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…