Passa ai contenuti principali

Google Zeitgeist 2012, lo spirito del tempo passa per il web


State già preparando il vostro bilancio di fine anno? 
Forse è troppo presto, forse ci vuole un attimo di calma e riflessione che, pur iniziando ora, sfocerà poi in qualcosa di più articolato a fine mese.

Google, invece, ha deciso di anticiparsi e ha pubblicato le ricerche e le tendenze più popolari in ogni Paese del mondo, analizzando circa un trilione di richieste effettuate dagli utenti nel corso del 2012.
Cercate Zeitgeist 2012 e avrete numerosi spunti di riflessione.

Io ho cercato l'Italia e i risultati mi rimarranno impressi, secondo me, per tutto il 2013.
Non mi metto ad elencare tutti i risultati, perchè fate prima ad andarveli a vedere da soli, ma ci sono cose che non riesco a capire.

I nomi più cercati su Google sono: 1. Lucio Dalla; 2. Sara Tommasi; 3. Whitney Houston.
Ora, se vogliamo dare ragione a quelle tendenze un pò macabre che fanno subito diventare un eroe chi è appena morto e che quindi tutti si mettono a cercare vita e miracoli per meglio lodarne la morte, l'unica vivente sul podio è Sara Tommasi e sappiamo che in questo anno non è diventata nota per aver scoperto la cura alla caduta dei capelli.

I film che abbiamo più cercato ossessivamente sul motore di ricerca a cui possiamo chiedere tutto ma proprio tutto sono: 1. Benvenuti al Nord; 2. Ted; 3. Magic Mike. Ecco spiegata in soli tre punti il modus vivendi nazionale: prima di tutto vogliamo ridere, poi non vogliamo crescere, ma sì, vogliamo anche il sesso glamour e stuzzicante e new style.

Andiamo avanti. Pare improbabile, ma anche noi italiani abbiamo comprato qualche libro. Comunque non conta quanti, ma quali: 1. Cinquanta Sfumature di Grigio; 2. Fai bei sogni; 3. Cinquanta Sfumature di Nero. Ovviamente al quarto posto c'è anche Cinquanta Sfumature di Rosso, che se no la trilogia risulta spezzata e porta male. Cosa vogliamo dedurre da tutto questo? C'entrerà la crisi, c'entrerà la fine del mondo che si avvicina, c'entrerà il fatto che sono arrivate tutte queste nuove perversioni e le vogliamo leggere (se non provare...), comunque il sesso la fa da padrone (secondo la trilogia di Fifty Shades, proprio da padrone nel senso letterale del termine!) e poi, per chi non dovesse farcela a sostenere il ritmo... vabbè, dormi e fai bei sogni, va'! Che poi, la classifica dei libri serve solo a far indignare i pseudo-intellettualoidi: "Ma che schifo! Ma come, non c'è nemmeno Also sprach Zarathustra (che loro lo devono dire in tedesco, se no pensate che sono persone normali!) che è un bestseller alle terme di Baden-Baden". "Hai ragione, è una vergogna! Quello mo' chi glielo dice a Senofonte che le sue Anabasi non sono entrate nella classifica!".  Io direi sceglietevi un Paese dove la classifica di libri si confà di più al vostro intelletto e... trasferitevi là! Vabbè..

Io il premio lo darei, però, al Come fare. Avete presente quando vi rimane il tira-bouchon incastrato nel tappo di sughero della bottiglia di 150 euro che volete stappare proprio in quel momento preciso della vostra vita e non sapete come risolvere la situazione?! Ecco, basta che digitate su Google la domanda, senza tanti fronzoli, proprio come vi viene e, IN TUTTI I CASI, avrete la vostra risposta. Ecco, nel 2012 veramente tanta gente ha cercato: 1. Come fare sesso; 2. Come fare un clistere; 3. Come fare il pizzetto. Al quarto posto troviamo Come fare innamorare, ma secondo me è solo per ripulirsi la coscienza dopo che ai primi posti abbiamo pensato sempre e solo al sesso. Ma perchè, direte voi, anche "come fare il pizzetto" c'entra col sesso? Ma signori miei, che vi dovreste fare a fare il pizzetto, se non per acchiappare le fanciulle?! Siamo seri.

Ovviamente non potevo tenermi questo risultato e sono andata a vedere i miei compagni di Internet degli altri Paesi del mondo che cosa hanno cercato.
Nel Regno Unito, nella classifica del Come fare: 1. Come disegnare; 2. Come baciare; 3. Come fare. Ma la cosa che mi ha fatto fermare e pensare è stato What is love al primo posto della graduatoria del Che cos'è...? (questo ultimo risultato è uguale anche per il Sud Africa... riflettete, gente!).

In Francia, invece, non sanno 1. Come dimagrire; 2. Come rimanere incinta; 3. Come ingrassare. No comment sull'indecisione!

In Spagna, hanno problemi soprattutto con la tecnologia. Prima chiedono Che cos'è 1. Instagram; 2. Pinterest; 3. Twitter. Poi chiedono Come 1. Funziona Twitter; 2. Installare Whatsapp; 3. Truccarsi.

Io, però, mi stamperei su una maglietta i primi tre Come fare degli Stati Uniti: 1. How to love; 2. How to rock; 3. How to vote.
E' un modo di vivere diverso, non c'è che dire.
Tutta un'altra poesia.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…