Passa ai contenuti principali

Che faccia ha il personaggio del tuo libro preferito?


Leggere aguzza l'immaginazione.
Per me è sempre stato così, e immagino che sia lo stesso per tutti quelli che amano leggere come me.
Si creano mondi all'interno dei mondi già tracciati dall'autore dello scritto che stiamo leggendo e, per me, la parte più interessante di tutti questi mondi è incontrare le persone che li popolano.

Persone che nei libri diventano personaggi, credo per pura fedeltà ad un canone letterario, ma che in realtà non hanno niente di meno nell'aspetto fisico e nei tratti psicologici - quando lo scrittore è bravo - a degli esseri umani in carne ed ossa. 
Stamattina stavo leggendo questo articolo che mi ha confermato che più o meno tutti i lettori forti fantasticano sui personaggi delle storie più belle e, in alcuni casi, hanno anche trovato una reale corrispondenza con foto che gli autori hanno conservato e che sono arrivate fino a noi.

Io riesco ad immaginare solo i personaggi che mi prendono tanto, ma proprio tantissimo. Quelli che quando è finito il libro poi mi mancano e vorrei tenerli nella rubrica telefonica, per chiamarli o mandargli un sms, perchè mi mancano. Non li ho contati, ma vi posso assicurare che non sono tantissimi quelli che mi fanno questo effetto. Ultimamente ho riletto per la milionesima volta il romanzo "La figlia di Mistral" di Judith Krantz e posso dire che è l'unico libro su cui sono riuscita a raccogliere pochissime informazioni, sia sulla pubblicazione che sull'autore. Nonostante questo piccolo mistero, questo è uno di quei casi che descrivevo più sopra, quelli in cui mi mancano i personaggi e, soprattutto, sento la mancanza di Julien Mistral, questo pittore che incarna i demoni bohèmienne che ancora mi abitano.

Non sarà l'altissima letteratura indicata nell'altro articolo, ma i personaggi/persone che ci colpiscono non si mettono a guardare tanto il libro in cui sono stati inseriti. Stanno là e aspettano di essere vissuti.


In compenso, ho scoperto che dal libro è stata tratta una serie televisiva (questa foto sopra è la locandina e l'uomo nella prima immagine è Mistral!) e fortunatamente gli attori (c'è anche Timothy Dalton, diventano poi anche James Bond) rispecchiano abbastanza la mia fantasia!
Quali personaggi vi hanno colpito di più? E come li avete immaginati?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…