Passa ai contenuti principali

Scatola Nera di Jennifer Egan: quando il libro si legge su Twitter


Era da un pò che non aprivo il mio profilo Twitter. Al contrario di come faccio quotidianamente con Facebook, Twitter è una nicchia dove mi rifugio più di rado, ma dove quasi sempre trovo più conforto e ispirazione che sul suo "cugino" più modaiolo. E succede questo sia perchè su Twitter seguo persone diverse che su Facebook, sia perchè su Twitter si parla di argomenti diversi e in maniera diversa da Facebook.

Dicevo, oggi ho riaperto Twitter e ho visto che la casa editrice Minimum Fax, sul suo profilo, ha iniziato un'operazione molto interessante: per presentare "Scatola Nera", l'ultimo libro del Premio Pulitzer Jennifer Egan - in uscita nel solo formato ebook dal 1 novembre - tutte le sere alle 22, dal 25 al 31 ottobre, twitterà   brani della storia.
Forse non ho ancora avuto modo di spiegarlo in maniera approfondita, ma io impazzisco letteralmente per trovate del genere, che sia una semplice operazione di marketing o un nuovo modo di pensare e scrivere la letteratura contemporanea, poco importa: il mio cervello va in fibrillazione!
Il bello è che in 140 caratteri si ha un concetto di una pregnanza impressionante che, già da solo, apre un mondo. E frase dopo frase, ci si immerge in questa costruzione perfetta che è "Scatola Nera". O almeno, così sembra.

E' da stamattina che mi rigiro l'idea da ogni angolo e non riesco ancora a trovare un difetto: mi piace! Mi piace l'idea di catturare il lettore con degli assaggi. Mi piace l'idea che, un pò ingenuamente, si resti impigliati tanto da voler comprare poi il libro o l'ebook: preferisco questa pubblicità, che punta comunque allo scopo, ma dando qualcosa in cambio, non fosse altro che quel piccolo brivido della curiosità che resta insoddisfatta fino al prossimo tweet, al prossimo indizio. Mi piace l'idea che in così pochi caratteri si può dire tanto: lo avevano già fatto altri scrittori che, in 140 caratteri, hanno raccontato una storia intera, e non dubito che molti altri lo faranno ancora.

In ogni caso, stasera alle 22 mi trovate là, su Twitter, per leggere la quinta parte del libro. In attesa di leggerlo poi integralmente. O meglio, di rileggerlo tutto d'un fiato, senza i singhiozzi dei tweet.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…