Passa ai contenuti principali

Quando una email è la misura del mondo...


Ci sono giorni in cui apro la casella email, controllo la posta, rispondo e poi chiudo. Per 24 ore filate, o anche oltre.
E ci sono giorni in cui l'email è l'unico contatto con il mondo esterno. Non si tratta di misantropia improvvisa o di isolamento dagli altri mezzi di comunicazione. A volte, capita che una mail sia l'unico modo per raggiungere una persona, o un lato del mondo. Del resto, una email è anche la cosa più facile da ignorare.

Oggi è stata una giornata così. Quante email ho inviato? Non le ho contate.
Quante saranno ignorate? Tutte o, almeno, buona parte di esse.

E capita anche a me di ignorare delle mail, sia chiaro, ma chissà per quale motivo, poi, all'improvviso me ne ricordo e mi rimane come un senso di incompiutezza...

Speriamo che anche i destinatari delle mie mail si ricordino di rispondermi, prima o poi...

Commenti

  1. questa delle mail è un problemuccio che attanaglia nache me...
    ciao

    RispondiElimina
  2. Credo che sia un problema molto comune, purtroppo... Ogni tanto anche io mi dimentico di rispondere a qualche mail, può capitare! Ciao :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…