Passa ai contenuti principali

Va' pensiero... e portami qualcosa da leggere!


In effetti, venti giorni di pausa dal blog sono troppi. Ma non perchè io mi bei nell'illusione di avere dei lettori affezionati: semplicemente perchè è troppo.
L'estate è esplosa in maniera incontrollabile e l'afa ci fa pagare quotidianamente il nostro tributo di sudore, ma per fortuna esistono ventilatori, condizionatori e... ventagli! Sì, i ventagli, quelli di una volta. Io ne porto sempre uno in borsa di questi tempi e non mi vergogno a tirarlo fuori quando boccheggio alla ricerca di uno spiffero d'aria che non c'è. I miei amici, all'inizio, mi prendevano in giro, ma poi hanno capito l'utilità dell'oggetto e spesso se lo sgraffignano allegramente. Vabbè, divagavo.

Sarà il summezionato caldo, sarà la pigrizia compagna dell'afa, ma sto leggendo più del solito. O meglio, ci sto provando. Sta capitando, infatti, che inizi più di un libro contemporaneamente, col risultato che accanto al mio letto si è formata una pila di volumi con i segnalibri che sporgono come beffarde linguacce. Perchè? Perchè sto rileggendo dei classici, sto leggendo dei libri cult che mi mancavano e, allo stesso tempo, cerco la frescura anche mentale con qualche libro leggero appena uscito.

Questa estate è diversa dalle altre, anche nel mio modo di leggere. Spero di scoprire anche qualche bel libro che mi appassioni e che possa contraddistinguere questo periodo, come mi è capitato in passato con dei testi particolari. Libri venite a me! ;-)




P.S. : L'immagine credo che sia un dipinto, ma non conosco il nome dell'autore. Sarà per il colore dei capelli, sarà per il fatto che anche io leggo nei posti più impensati, ma mi è sembrata perfetta per questo post!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…