Passa ai contenuti principali

Va' pensiero... e portami qualcosa da leggere!


In effetti, venti giorni di pausa dal blog sono troppi. Ma non perchè io mi bei nell'illusione di avere dei lettori affezionati: semplicemente perchè è troppo.
L'estate è esplosa in maniera incontrollabile e l'afa ci fa pagare quotidianamente il nostro tributo di sudore, ma per fortuna esistono ventilatori, condizionatori e... ventagli! Sì, i ventagli, quelli di una volta. Io ne porto sempre uno in borsa di questi tempi e non mi vergogno a tirarlo fuori quando boccheggio alla ricerca di uno spiffero d'aria che non c'è. I miei amici, all'inizio, mi prendevano in giro, ma poi hanno capito l'utilità dell'oggetto e spesso se lo sgraffignano allegramente. Vabbè, divagavo.

Sarà il summezionato caldo, sarà la pigrizia compagna dell'afa, ma sto leggendo più del solito. O meglio, ci sto provando. Sta capitando, infatti, che inizi più di un libro contemporaneamente, col risultato che accanto al mio letto si è formata una pila di volumi con i segnalibri che sporgono come beffarde linguacce. Perchè? Perchè sto rileggendo dei classici, sto leggendo dei libri cult che mi mancavano e, allo stesso tempo, cerco la frescura anche mentale con qualche libro leggero appena uscito.

Questa estate è diversa dalle altre, anche nel mio modo di leggere. Spero di scoprire anche qualche bel libro che mi appassioni e che possa contraddistinguere questo periodo, come mi è capitato in passato con dei testi particolari. Libri venite a me! ;-)




P.S. : L'immagine credo che sia un dipinto, ma non conosco il nome dell'autore. Sarà per il colore dei capelli, sarà per il fatto che anche io leggo nei posti più impensati, ma mi è sembrata perfetta per questo post!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…