Passa ai contenuti principali

Sole e Venere: un incontro da fine del mondo!


Mentre noi dormivamo, sopra le nostre teste si è consumato un evento storico. Non fosse altro che per rivederlo dovremo aspettare l'11 dicembre 2117: quelli di noi che saranno occupati anche in quella data... pazienza! :-))) Al di là di tutti i calcoli astronomici - che pure servono -, nella follia della mattinata, mi sono immaginata che il Sole e Venere, in realtà, sono due amanti litigiosi che si vedono, litigano e, per fare di nuovo pace, ci mettono centinaia di anni, a secondo della gravità del litigio.

La mitologia greca potrebbe venirmi in aiuto, ma a quanto pare, l'unico con cui non abbia avuto un rapporto la profica Afrodite-Venere, è proprio Apollo, dio del Sole. Ed ecco trovato il problema! Troppa tensione, troppo astio per la mancata attenzione che, sull'Olimpo, si sono dedicati reciprocamente.

Vabbe'. Io ve lo avevo detto che c'era follia nell'aria. Ma sarà colpa di Venere?! Se se...

foto: Adnkronos ... Kronos, dio del tempo, padre di tutti gli dei... Mitologia, abbandona questo corpo... oraaaaaa!!!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…