Passa ai contenuti principali

Scrivere a mano o sulla tastiera: ad ognuno il suo!


Da quando sono entrati in uso comune computer e tablet, le dita delle mani sono sempre più abili nella danza dei tasti e sempre meno allenate nel mantenere la cara e vecchia penna. Leggendo l'articolo sull'Huffington Post che solleva la questione della scrittura a mano che non viene insegnata più nelle scuole, riflettevo sull'uso che personalmente faccio della scrittura a mano.

Nel corso del tempo, per me, si è andato separando sempre di più il campo di utilizzo della scrittura a mano e quello della scrittura sulla tastiera. Scrivo a mano gli appunti, l'agenda, i pensieri. Batto al pc gli articoli, i post di questo blog, le mie interazioni via mail e social network. Cosa cambia? Cambia la sensazione, forse. Un pò come quando chiesero al recentemente scomparso Carlos Fuentes perchè preferisse scrivere in lingua spagnola: "Perché è la lingua con cui sogno, faccio l'amore, insulto la gente" rispose. Pur avendo scritto cose abbastanza apprezzabili al pc (apprezzabili dalla bontà di chi legge, ovviamente, e non dal mio parere personale), ora che ci rifletto, sono sempre partita da un appunto preso a mano, su un tovagliolino, su un pezzo di carta, sul bordo di una rivista. E non parlo solo di post e articoli, ma spesso anche di scritti accademici.

Nell'articolo si sottolinea come nelle scuole sia sparito l'esercizio di copiare dalla lavagna parole e frasi, per metterle in bella grafia sul proprio quaderno. E a me sono venuti in mente i pomeriggi passati a ricopiare le paginette di vocali e consonanti, spesso affiancata dalla nonna che mi faceva gli esempi, tutti svolazzanti, su una lavagnetta - di quelle antiche col gessetto - con la cornice di legno tutta rabberciata.

A ricordarci questo esercizio rimane Bart Simpson che nella sigla della serie, ad ogni puntata, ricopia sulla lavagna una frase, da ricordare senz'altro. E voi, scrivete più a mano o alla tastiera? E c'è differenza per voi?

Commenti

  1. ...quando devo tastiera, quando voglio penna..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, forse è questa la differenza anche per me. Il dovere e il piacere, insomma! sintetizzato in due parole, il concetto funziona. :-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…