Passa ai contenuti principali

Scrivere a mano o sulla tastiera: ad ognuno il suo!


Da quando sono entrati in uso comune computer e tablet, le dita delle mani sono sempre più abili nella danza dei tasti e sempre meno allenate nel mantenere la cara e vecchia penna. Leggendo l'articolo sull'Huffington Post che solleva la questione della scrittura a mano che non viene insegnata più nelle scuole, riflettevo sull'uso che personalmente faccio della scrittura a mano.

Nel corso del tempo, per me, si è andato separando sempre di più il campo di utilizzo della scrittura a mano e quello della scrittura sulla tastiera. Scrivo a mano gli appunti, l'agenda, i pensieri. Batto al pc gli articoli, i post di questo blog, le mie interazioni via mail e social network. Cosa cambia? Cambia la sensazione, forse. Un pò come quando chiesero al recentemente scomparso Carlos Fuentes perchè preferisse scrivere in lingua spagnola: "Perché è la lingua con cui sogno, faccio l'amore, insulto la gente" rispose. Pur avendo scritto cose abbastanza apprezzabili al pc (apprezzabili dalla bontà di chi legge, ovviamente, e non dal mio parere personale), ora che ci rifletto, sono sempre partita da un appunto preso a mano, su un tovagliolino, su un pezzo di carta, sul bordo di una rivista. E non parlo solo di post e articoli, ma spesso anche di scritti accademici.

Nell'articolo si sottolinea come nelle scuole sia sparito l'esercizio di copiare dalla lavagna parole e frasi, per metterle in bella grafia sul proprio quaderno. E a me sono venuti in mente i pomeriggi passati a ricopiare le paginette di vocali e consonanti, spesso affiancata dalla nonna che mi faceva gli esempi, tutti svolazzanti, su una lavagnetta - di quelle antiche col gessetto - con la cornice di legno tutta rabberciata.

A ricordarci questo esercizio rimane Bart Simpson che nella sigla della serie, ad ogni puntata, ricopia sulla lavagna una frase, da ricordare senz'altro. E voi, scrivete più a mano o alla tastiera? E c'è differenza per voi?

Commenti

  1. ...quando devo tastiera, quando voglio penna..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, forse è questa la differenza anche per me. Il dovere e il piacere, insomma! sintetizzato in due parole, il concetto funziona. :-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…