Passa ai contenuti principali

Scrivere a mano o sulla tastiera: ad ognuno il suo!


Da quando sono entrati in uso comune computer e tablet, le dita delle mani sono sempre più abili nella danza dei tasti e sempre meno allenate nel mantenere la cara e vecchia penna. Leggendo l'articolo sull'Huffington Post che solleva la questione della scrittura a mano che non viene insegnata più nelle scuole, riflettevo sull'uso che personalmente faccio della scrittura a mano.

Nel corso del tempo, per me, si è andato separando sempre di più il campo di utilizzo della scrittura a mano e quello della scrittura sulla tastiera. Scrivo a mano gli appunti, l'agenda, i pensieri. Batto al pc gli articoli, i post di questo blog, le mie interazioni via mail e social network. Cosa cambia? Cambia la sensazione, forse. Un pò come quando chiesero al recentemente scomparso Carlos Fuentes perchè preferisse scrivere in lingua spagnola: "Perché è la lingua con cui sogno, faccio l'amore, insulto la gente" rispose. Pur avendo scritto cose abbastanza apprezzabili al pc (apprezzabili dalla bontà di chi legge, ovviamente, e non dal mio parere personale), ora che ci rifletto, sono sempre partita da un appunto preso a mano, su un tovagliolino, su un pezzo di carta, sul bordo di una rivista. E non parlo solo di post e articoli, ma spesso anche di scritti accademici.

Nell'articolo si sottolinea come nelle scuole sia sparito l'esercizio di copiare dalla lavagna parole e frasi, per metterle in bella grafia sul proprio quaderno. E a me sono venuti in mente i pomeriggi passati a ricopiare le paginette di vocali e consonanti, spesso affiancata dalla nonna che mi faceva gli esempi, tutti svolazzanti, su una lavagnetta - di quelle antiche col gessetto - con la cornice di legno tutta rabberciata.

A ricordarci questo esercizio rimane Bart Simpson che nella sigla della serie, ad ogni puntata, ricopia sulla lavagna una frase, da ricordare senz'altro. E voi, scrivete più a mano o alla tastiera? E c'è differenza per voi?

Commenti

  1. ...quando devo tastiera, quando voglio penna..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, forse è questa la differenza anche per me. Il dovere e il piacere, insomma! sintetizzato in due parole, il concetto funziona. :-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…