Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino, ovvero la vittoria del libro sulla crisi


"Anche i numeri hanno decretato che il 25° Salone Internazionale del Libro non è stato il Salone della crisi. A poche ore dalla chiusura, le biglietterie parlano di un incremento del 4.1% rispetto al 2011, che – se mantenuto fino alle 22 – attesterà i visitatori fra i 317 e i 318.000" si legge nel comunicato stampa finale della XXV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino.
Passato il fastidio di veder associare anche ai libri la parola "crisi", i dati mi fanno riflettere. Nel fatto che ci siano più visitatori degli altri anni, ci voglio leggere una maggiore volontà di fuga dalla realtà contingente. Mi spiego meglio.

Non so voi, ma io, quando vado alle fiere del libro - e in generale, in luoghi dove ci sono più libri che persone -, mi estranio da quello che succede fuori. E' come se mi fosse offerta la possibilità di staccare la spina dai telegiornali, dalle notizie di cronaca, da tutto quello che mi angustia negli altri giorni (e che, molto spesso, ha a che fare con i telegiornali e la cronaca). Che ci sia crisi, ormai non può più negarlo nessuno - sfido, io! -, e forse per questo la Fiera del Libro di Torino è stata vissuta come la terra franca in cui rifugiarsi alla ricerca di una speranza di futuro. E se la speranza per il futuro la vediamo - io la vedo da tempo - nei libri, non mi posso che rallegrare.

Un'altra cosa positiva è che l'anno prossimo si punterà di più sui piccoli editori. Ed era ora, aggiungerei! Dal momento che i grandi editori sono quelli che conosciamo bene, che pubblicano determinati libri di determinati autori - e a volte non sono nemmeno tutta questa novità -, la piccola editoria costituisce quella ventata di freschezza di cui non mi stanco mai. E poi, avete notato che spesso le copertine dei libri che pubblicano sono delle piccole opere d'arte? Io noto tutti questi dettagli e, fortunatamente, non sono la sola. Comunque, se davvero il Salone di Torino prenderà questa direzione, l'anno prossimo non potrò mancare.

Una delle belle novità di quest'anno è stato il N.E.I. (Nuovi Editori Indipendenti), un gruppo di giovani editori indipendenti, appunto, composto da Intermezzi, Neo.edizioni, CaratteriMobili, Miraggi, Caravan e Las Vegas, di cui, bene o male, mi è capitato di trovare in giro in rete qualche pubblicazione, anche sotto forma di ebook, e vale le pena approfondire. L'unica pecca è che, quando  cerchi i loro libri in libreria - piccole e grandi librerie - difficilmente ce li hanno e ordinarli online toglie un pò della magia della spedizione in libreria. Ma per leggere qualcosa di nuovo si fa questo ed altro, figuriamoci.

E venerdì inizia Un'Altra Galassia e nel programma io sono stata incuriosita dalle sedute spiritiche letterarie. Poi vi faccio sapere come è! 

Commenti

  1. Ciao Ramona, tanto grazie.
    Purtroppo quella della distribuzione è una grande pecca che taglia la gambe a molti piccoli editori ma molto dipende anche dalla voglia dei librai di ordinarti il libro.
    Non credere troppo ai dati divulgati dalla stampa. Secondo me li gonfiano. Tolto questo, il salone del libro è sempre una bella esperienza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So bene che i dati possono essere gonfiati, ma in questo caso volevo sottolineare che forse (ma forse, eh) si può ancora cercare di fare qualcosa di positivo. E la mia speranza è rivolta soprattutto al fatto che, se manifestazioni di risalto come il salone del libro et similia, si interessano ai piccoli editori, magari si può iniziare a ragionare in termini di qualità e non di grandezza. Ed è là che, secondo me, gli editori cosiddetti "piccoli" sono davvero grandi (senza generalizzare, ovviamente!). ;)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…