Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino, ovvero la vittoria del libro sulla crisi


"Anche i numeri hanno decretato che il 25° Salone Internazionale del Libro non è stato il Salone della crisi. A poche ore dalla chiusura, le biglietterie parlano di un incremento del 4.1% rispetto al 2011, che – se mantenuto fino alle 22 – attesterà i visitatori fra i 317 e i 318.000" si legge nel comunicato stampa finale della XXV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino.
Passato il fastidio di veder associare anche ai libri la parola "crisi", i dati mi fanno riflettere. Nel fatto che ci siano più visitatori degli altri anni, ci voglio leggere una maggiore volontà di fuga dalla realtà contingente. Mi spiego meglio.

Non so voi, ma io, quando vado alle fiere del libro - e in generale, in luoghi dove ci sono più libri che persone -, mi estranio da quello che succede fuori. E' come se mi fosse offerta la possibilità di staccare la spina dai telegiornali, dalle notizie di cronaca, da tutto quello che mi angustia negli altri giorni (e che, molto spesso, ha a che fare con i telegiornali e la cronaca). Che ci sia crisi, ormai non può più negarlo nessuno - sfido, io! -, e forse per questo la Fiera del Libro di Torino è stata vissuta come la terra franca in cui rifugiarsi alla ricerca di una speranza di futuro. E se la speranza per il futuro la vediamo - io la vedo da tempo - nei libri, non mi posso che rallegrare.

Un'altra cosa positiva è che l'anno prossimo si punterà di più sui piccoli editori. Ed era ora, aggiungerei! Dal momento che i grandi editori sono quelli che conosciamo bene, che pubblicano determinati libri di determinati autori - e a volte non sono nemmeno tutta questa novità -, la piccola editoria costituisce quella ventata di freschezza di cui non mi stanco mai. E poi, avete notato che spesso le copertine dei libri che pubblicano sono delle piccole opere d'arte? Io noto tutti questi dettagli e, fortunatamente, non sono la sola. Comunque, se davvero il Salone di Torino prenderà questa direzione, l'anno prossimo non potrò mancare.

Una delle belle novità di quest'anno è stato il N.E.I. (Nuovi Editori Indipendenti), un gruppo di giovani editori indipendenti, appunto, composto da Intermezzi, Neo.edizioni, CaratteriMobili, Miraggi, Caravan e Las Vegas, di cui, bene o male, mi è capitato di trovare in giro in rete qualche pubblicazione, anche sotto forma di ebook, e vale le pena approfondire. L'unica pecca è che, quando  cerchi i loro libri in libreria - piccole e grandi librerie - difficilmente ce li hanno e ordinarli online toglie un pò della magia della spedizione in libreria. Ma per leggere qualcosa di nuovo si fa questo ed altro, figuriamoci.

E venerdì inizia Un'Altra Galassia e nel programma io sono stata incuriosita dalle sedute spiritiche letterarie. Poi vi faccio sapere come è! 

Commenti

  1. Ciao Ramona, tanto grazie.
    Purtroppo quella della distribuzione è una grande pecca che taglia la gambe a molti piccoli editori ma molto dipende anche dalla voglia dei librai di ordinarti il libro.
    Non credere troppo ai dati divulgati dalla stampa. Secondo me li gonfiano. Tolto questo, il salone del libro è sempre una bella esperienza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So bene che i dati possono essere gonfiati, ma in questo caso volevo sottolineare che forse (ma forse, eh) si può ancora cercare di fare qualcosa di positivo. E la mia speranza è rivolta soprattutto al fatto che, se manifestazioni di risalto come il salone del libro et similia, si interessano ai piccoli editori, magari si può iniziare a ragionare in termini di qualità e non di grandezza. Ed è là che, secondo me, gli editori cosiddetti "piccoli" sono davvero grandi (senza generalizzare, ovviamente!). ;)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…