Passa ai contenuti principali

1 maggio, su coraggio... ma non è la mia festa!

1 maggio, festa dei lavoratori, concerto a Roma e manifestazioni in tutta Italia. I primi caldi, sì, ma poi il meteo ha detto che tornerà il brutto tempo, ma intanto andiamo a prendere un pò di sole, così facciamo vedere che sappiamo lavorare ma sappiamo anche godercela... Vabbè!

1 maggio, su coraggio e ci ho messo un pò a scoprire che lo dice Umberto Tozzi nella sua "Ti amo" che deve essere urlata, per forza, altrimenti non vale. Per festeggiare magari oggi faccio qualcosa in più, proprio per differenziare questo giorno dal resto dell'anno. E se questo qualcosa ha a che fare col cantare a squarciagola, ben venga!

1 maggio, e invece di mettere la classica riproduzione del dipinto di Giuseppe Pellizza da Volpedo del 1901 "Il Quarto Stato", a me piace questa foto (di cui non conosco l'autore, purtroppo) che rappresenta molto bene l'essere sospesi tra cielo e terra che è la condizione della maggior parte dei lavoratori oggi.
Poi leggo sull'Huffington Post che ci sono Paesi dove la disoccupazione non esiste e penso che ci è sfuggito qualcosa di ormai irrecuperabile e, per questo, fuggiamo via, per non vedere cosa è andato perso per sempre.

1 maggio e lasciatemi rilassare, senza concerto, senza scampagnata, senza corsa alla prima abbronzatura, che tanto oggi non è la mia festa. 

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…