Passa ai contenuti principali

Una rondine fa primavera... ma anche no!

Uno che si aspetta?! Che la Pasqua sia l'espressione religiosa della Resurrezione di Cristo... ma anche la giornata di primavera per eccellenza. Marzo ci ha illuso con giornate che rasentavano il calore estivo, con cieli tersi e venticelli pieni di profumo di fiori... Poi uno si sveglia stamattina e pensa che il calendario si è sbagliato, che oggi è il 7 dicembre o il 7 gennaio e non siamo nemmeno vicini alla stagione della fioritura!!! Altro che Resurrezione di Nostro Signore! Ci sta gente che si è messa a bestemmiare tutti i santi del calendario, che aveva prenotato in qualche località marittima, che voleva fare il picnic con il casatiello e le fave... e invece si trova a saltellare tra le pozzanghere! Non ci sta niente da fare, Pasqua e Pasquetta sembrano Natale e Santo Stefano... vabbuò!

Ero andata dal fruttivendolo a comprare la rucola, così domani - dopo che ho messo fuori uso lo stomaco con tutto quello che di più grasso si può immaginare - posso fare finta di mantenermi leggera con un pò d'erba: la realtà in cui la verdura arriva già pulita e imbustata nel carrello della spesa, non è così scontata dalle mie parti, e così, mi sono vista incartare nel più classico foglio di giornale il mio mazzetto verde. Immaginate la mia faccia quando - per deformazione professionale e personale - mi metto a leggere il suddetto giornale, trovandovi nientemeno che la notizia secondo cui, due note marche di banane (Chiquita e Dole), sono tornate alla frutta fresca, dopo aver tentato la strada, non solo della frutta secca, ma anche delle insalate in busta e dei succhi.

Al di là dell'interesse economico per la notizia, ho trovato alquanto ironico il fatto che dal fruttivendolo si "spacciassero" notizie del settore: immaginate di andare dal pescivendolo e di vederlo incartare il pesce fresco in un giornale con le ultime novità ittiche dal punto di vista nutrizionale; oppure di andare dal macellaio e di vedersi fare un paccotto con le notizie sulla mucca pazza (ma le mucche pazze, poi, sono rinsavite?! chissà...).

Intanto... Buona Pasqua e Pasquetta! E se vi capita di essere vittime del mal tempo, non disperate: cacciate fuori il casatiello dalla borsa e fate in picnic in macchina o sul tappeto in salotto. Magari ci vediamo là!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…