Passa ai contenuti principali

Una rondine fa primavera... ma anche no!

Uno che si aspetta?! Che la Pasqua sia l'espressione religiosa della Resurrezione di Cristo... ma anche la giornata di primavera per eccellenza. Marzo ci ha illuso con giornate che rasentavano il calore estivo, con cieli tersi e venticelli pieni di profumo di fiori... Poi uno si sveglia stamattina e pensa che il calendario si è sbagliato, che oggi è il 7 dicembre o il 7 gennaio e non siamo nemmeno vicini alla stagione della fioritura!!! Altro che Resurrezione di Nostro Signore! Ci sta gente che si è messa a bestemmiare tutti i santi del calendario, che aveva prenotato in qualche località marittima, che voleva fare il picnic con il casatiello e le fave... e invece si trova a saltellare tra le pozzanghere! Non ci sta niente da fare, Pasqua e Pasquetta sembrano Natale e Santo Stefano... vabbuò!

Ero andata dal fruttivendolo a comprare la rucola, così domani - dopo che ho messo fuori uso lo stomaco con tutto quello che di più grasso si può immaginare - posso fare finta di mantenermi leggera con un pò d'erba: la realtà in cui la verdura arriva già pulita e imbustata nel carrello della spesa, non è così scontata dalle mie parti, e così, mi sono vista incartare nel più classico foglio di giornale il mio mazzetto verde. Immaginate la mia faccia quando - per deformazione professionale e personale - mi metto a leggere il suddetto giornale, trovandovi nientemeno che la notizia secondo cui, due note marche di banane (Chiquita e Dole), sono tornate alla frutta fresca, dopo aver tentato la strada, non solo della frutta secca, ma anche delle insalate in busta e dei succhi.

Al di là dell'interesse economico per la notizia, ho trovato alquanto ironico il fatto che dal fruttivendolo si "spacciassero" notizie del settore: immaginate di andare dal pescivendolo e di vederlo incartare il pesce fresco in un giornale con le ultime novità ittiche dal punto di vista nutrizionale; oppure di andare dal macellaio e di vedersi fare un paccotto con le notizie sulla mucca pazza (ma le mucche pazze, poi, sono rinsavite?! chissà...).

Intanto... Buona Pasqua e Pasquetta! E se vi capita di essere vittime del mal tempo, non disperate: cacciate fuori il casatiello dalla borsa e fate in picnic in macchina o sul tappeto in salotto. Magari ci vediamo là!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…