Passa ai contenuti principali

Una rondine fa primavera... ma anche no!

Uno che si aspetta?! Che la Pasqua sia l'espressione religiosa della Resurrezione di Cristo... ma anche la giornata di primavera per eccellenza. Marzo ci ha illuso con giornate che rasentavano il calore estivo, con cieli tersi e venticelli pieni di profumo di fiori... Poi uno si sveglia stamattina e pensa che il calendario si è sbagliato, che oggi è il 7 dicembre o il 7 gennaio e non siamo nemmeno vicini alla stagione della fioritura!!! Altro che Resurrezione di Nostro Signore! Ci sta gente che si è messa a bestemmiare tutti i santi del calendario, che aveva prenotato in qualche località marittima, che voleva fare il picnic con il casatiello e le fave... e invece si trova a saltellare tra le pozzanghere! Non ci sta niente da fare, Pasqua e Pasquetta sembrano Natale e Santo Stefano... vabbuò!

Ero andata dal fruttivendolo a comprare la rucola, così domani - dopo che ho messo fuori uso lo stomaco con tutto quello che di più grasso si può immaginare - posso fare finta di mantenermi leggera con un pò d'erba: la realtà in cui la verdura arriva già pulita e imbustata nel carrello della spesa, non è così scontata dalle mie parti, e così, mi sono vista incartare nel più classico foglio di giornale il mio mazzetto verde. Immaginate la mia faccia quando - per deformazione professionale e personale - mi metto a leggere il suddetto giornale, trovandovi nientemeno che la notizia secondo cui, due note marche di banane (Chiquita e Dole), sono tornate alla frutta fresca, dopo aver tentato la strada, non solo della frutta secca, ma anche delle insalate in busta e dei succhi.

Al di là dell'interesse economico per la notizia, ho trovato alquanto ironico il fatto che dal fruttivendolo si "spacciassero" notizie del settore: immaginate di andare dal pescivendolo e di vederlo incartare il pesce fresco in un giornale con le ultime novità ittiche dal punto di vista nutrizionale; oppure di andare dal macellaio e di vedersi fare un paccotto con le notizie sulla mucca pazza (ma le mucche pazze, poi, sono rinsavite?! chissà...).

Intanto... Buona Pasqua e Pasquetta! E se vi capita di essere vittime del mal tempo, non disperate: cacciate fuori il casatiello dalla borsa e fate in picnic in macchina o sul tappeto in salotto. Magari ci vediamo là!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…