Passa ai contenuti principali

Una rondine fa primavera... ma anche no!

Uno che si aspetta?! Che la Pasqua sia l'espressione religiosa della Resurrezione di Cristo... ma anche la giornata di primavera per eccellenza. Marzo ci ha illuso con giornate che rasentavano il calore estivo, con cieli tersi e venticelli pieni di profumo di fiori... Poi uno si sveglia stamattina e pensa che il calendario si è sbagliato, che oggi è il 7 dicembre o il 7 gennaio e non siamo nemmeno vicini alla stagione della fioritura!!! Altro che Resurrezione di Nostro Signore! Ci sta gente che si è messa a bestemmiare tutti i santi del calendario, che aveva prenotato in qualche località marittima, che voleva fare il picnic con il casatiello e le fave... e invece si trova a saltellare tra le pozzanghere! Non ci sta niente da fare, Pasqua e Pasquetta sembrano Natale e Santo Stefano... vabbuò!

Ero andata dal fruttivendolo a comprare la rucola, così domani - dopo che ho messo fuori uso lo stomaco con tutto quello che di più grasso si può immaginare - posso fare finta di mantenermi leggera con un pò d'erba: la realtà in cui la verdura arriva già pulita e imbustata nel carrello della spesa, non è così scontata dalle mie parti, e così, mi sono vista incartare nel più classico foglio di giornale il mio mazzetto verde. Immaginate la mia faccia quando - per deformazione professionale e personale - mi metto a leggere il suddetto giornale, trovandovi nientemeno che la notizia secondo cui, due note marche di banane (Chiquita e Dole), sono tornate alla frutta fresca, dopo aver tentato la strada, non solo della frutta secca, ma anche delle insalate in busta e dei succhi.

Al di là dell'interesse economico per la notizia, ho trovato alquanto ironico il fatto che dal fruttivendolo si "spacciassero" notizie del settore: immaginate di andare dal pescivendolo e di vederlo incartare il pesce fresco in un giornale con le ultime novità ittiche dal punto di vista nutrizionale; oppure di andare dal macellaio e di vedersi fare un paccotto con le notizie sulla mucca pazza (ma le mucche pazze, poi, sono rinsavite?! chissà...).

Intanto... Buona Pasqua e Pasquetta! E se vi capita di essere vittime del mal tempo, non disperate: cacciate fuori il casatiello dalla borsa e fate in picnic in macchina o sul tappeto in salotto. Magari ci vediamo là!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…