Passa ai contenuti principali

Se del libro rimane solo il profumo...



Sono arrivata tardi agli ebook, ma, anche così, per me i libri sono compagni fisici di viaggi infiniti a cui non rinuncerei per niente al mondo. E non sono l'unica a pensarla così, fortunatamente.
Nonostante il divertimento di girare per gli scaffali virtuali comodamente da casa mia, difficilmente riuscirei a sostituire la sensazione di ricerca - e di svuotamento della testa da ogni negatività - che mi coglie ogni volta che vago fisicamente in una libreria. Assodato questo, non posso negare che il lettore di ebook snellisce il peso di migliaia di volumi che, con copertine e pagine, necessiterebbero di un trasporto ben più attrezzato che una semplice borsina piatta.

I pro. I contro. Sì, ma cosa manca? Manca l'odore dei libri. Quel profumo che mi fa sembrare una cocainomane in crisi d'astinenza mentre, in biblioteca o dal libraio, sniffo l'essenza primaria del mio divertimento: l'odore della carta mescolato a quello della colla e dell'inchiostro. Ragazzi... nemmeno in mille anni si può descrivere!

Se difficilmente si può descrivere, immaginate la difficoltà di riprodurlo... E invece, hanno fatto pure questo. Gli americani hanno creato uno spray con i diversi odori. Si chiama "Smell of books" e promette di farvi passare la nostalgia dei libri in carta e inchiostro: è disponibile in diversi aromi tipo "classico con muffa" oppure "di seconda mano con gatti" o, ancora, "libri nuovi"

Sarà. A me sa di bufala. E poi, in inglese, "smell" significa odore, ma anche puzza e non mi pare proprio il caso di promuovere un prodotto che promette meraviglie per i bibliofili e poi criticare una loro passione chiamandola puzza. Se proprio dobbiamo dirla all'inglese, allora io avrei preferito un "Flavour of books" o, meglio ancora, "Parfume of books".

Il mio "flavour of books", tuttavia, preferisco conquistarlo sul campo, con un libro tra le mani.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…