Passa ai contenuti principali

Se del libro rimane solo il profumo...



Sono arrivata tardi agli ebook, ma, anche così, per me i libri sono compagni fisici di viaggi infiniti a cui non rinuncerei per niente al mondo. E non sono l'unica a pensarla così, fortunatamente.
Nonostante il divertimento di girare per gli scaffali virtuali comodamente da casa mia, difficilmente riuscirei a sostituire la sensazione di ricerca - e di svuotamento della testa da ogni negatività - che mi coglie ogni volta che vago fisicamente in una libreria. Assodato questo, non posso negare che il lettore di ebook snellisce il peso di migliaia di volumi che, con copertine e pagine, necessiterebbero di un trasporto ben più attrezzato che una semplice borsina piatta.

I pro. I contro. Sì, ma cosa manca? Manca l'odore dei libri. Quel profumo che mi fa sembrare una cocainomane in crisi d'astinenza mentre, in biblioteca o dal libraio, sniffo l'essenza primaria del mio divertimento: l'odore della carta mescolato a quello della colla e dell'inchiostro. Ragazzi... nemmeno in mille anni si può descrivere!

Se difficilmente si può descrivere, immaginate la difficoltà di riprodurlo... E invece, hanno fatto pure questo. Gli americani hanno creato uno spray con i diversi odori. Si chiama "Smell of books" e promette di farvi passare la nostalgia dei libri in carta e inchiostro: è disponibile in diversi aromi tipo "classico con muffa" oppure "di seconda mano con gatti" o, ancora, "libri nuovi"

Sarà. A me sa di bufala. E poi, in inglese, "smell" significa odore, ma anche puzza e non mi pare proprio il caso di promuovere un prodotto che promette meraviglie per i bibliofili e poi criticare una loro passione chiamandola puzza. Se proprio dobbiamo dirla all'inglese, allora io avrei preferito un "Flavour of books" o, meglio ancora, "Parfume of books".

Il mio "flavour of books", tuttavia, preferisco conquistarlo sul campo, con un libro tra le mani.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…