Passa ai contenuti principali

Miglioramento è diverso da cambiamento

Ieri ho moderato la presentazione del libro "Italian System Consulting" di Eleonora Colonna, giornalista e scrittrice alla sua prima prova narrativa. Il romanzo - con radici autobiografiche - racconta di Roberta, neolaureata alla sua prima esperienza lavorativa nel mondo delle consulenze informatiche. Ora, con la tenerezza che ispirano tutti gli ingenui, in più punti del libro vorremmo gridare a Roberta di stare attenta, che là fuori non è come all'università, che il mondo del lavoro è popolato da squali che dei neolaureati fanno un sol boccone.

Come spesso accade anche nella vita, però, le pedine vanno a posto anche senza il nostro urlo di avvertimento. E per fortuna, aggiungerei. Raramente ho visto persone che alle presentazioni sembrano così interessate al testo come il pubblico di ieri. Sì, perchè, oltre alle ansie e alle angosce che l'attuale condizione occupazionale italiana suscita - dal vivo, senza bisogno di leggerla in un libro - Eleonora Colonna dà anche una speranza e io l'ho voluta leggere in uno dei passi finali del libro che vi riporto qui di seguito:

R: [...] ha davvero capito che questa vita non faceva per lei e ha deciso di tirar fuori un sogno dal cassetto, dopotutto cercare di realizzare i propri desideri è importante.
M: Ai desideri bisogna stare attenti. Tu hai desiderato tanto un cambiamento[...] e ora che lo hai avuto non ne sei così felice.
R. Forse ho sbagliato desiderio. Ho voluto cambiare e non migliorare. I due desideri sono profondamente diversi.
M: Il tuo modo di interpretare i fatti non finirà mai di stupirmi.

Con la speranza di non sbagliare mai desiderio, auguro a tutti di migliorare sempre, e non semplicemente di cambiare.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Le coccole di dicembre

L'odore della frittata di maccheroni. La felpa calda e morbida. Un momento di pura pigrizia. Un abbraccio. Un bacio dolce. Un sorriso spontaneo. Una coperta grande. La penombra di una stanza. L'attesa del tramonto. Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita. Una tazza di tisana profumata. La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare. La promessa del tempo. Il giuramento dell'amore. La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate. La scintilla di speranza per le cose che arriveranno. Un libro che intesse storie di parole e suoni. La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.
Quella carezza che è mancata tanto. Quelle mura che sono sempre come le ricordavo. Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha. Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza. L'odore della pelle di mia figlia. Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito. I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li riman…

Segnalazione: Surfing the bride

Surfing the bride. Nel folle mondo dei matrimoni Claudia Bisceglie e Manuela Lehnus Edizioni Clichy dal 23 novembre in tutte le librerie e gli store on line
Un crocevia di racconti e incontri fatti da Claudia, una wedding planner che vive nel folle mondo dei matrimoni, il suo «Paese delle Meraviglie». Parafrasando il titolo, «surfare l’onda emotiva della sposa» significa gestire i mille e uno ripensamenti dell’ultimo secondo di spose (e sposi, e suocere...) impazzite e in preda a una crisi di ansia. Ma non solo: vuol dire trovarsi davanti a situazioni familiari paradossali, che spesso si palesano in tutta la loro potenza durante l’organizzazione di un matrimonio. Claudia si racconta in prima persona, mentre osserva e condivide i sogni, le paure e il coraggio degli sposi che incontra. Un ringraziamento alla vita e alla «follia» che ci circonda e che, a volte, ci possiede prima, durante e dopo le nozze.

Claudia Bisceglie, wedding & event planner per professione, iperattiva e incasinata…