Passa ai contenuti principali

Giornata Mondiale del libro 2012: leggere per ritrovare se stessi


Oggi si celebra la Giornata Mondiale del libro e del diritto d'autore, un evento che, dal 1996, l'Unesco promuove per invitare a leggere e pubblicare libri, e per difendere la proprietà intellettuale attraverso il copyright. E' stata scelta questa data perchè proprio il 23 aprile del 1616 morirono tre importanti scrittori: Miguel de Cervantes (1547-1616), William Shakespeare (1564-1616) e Garcilaso de la Vega (1539-1616).

Ora, fermo restando che per me oggi è un giorno come un altro, dal momento che in ogni mio giorno sono presenti i libri, questo evento scatena una caterva di iniziative in tutto il mondo, tutte molto interessanti e che avrebbero bisogno di maggiore approfondimento e diffusione. Quest'anno ho scoperto il progetto "Nati per leggere", che regala un libro ad ogni bambino nato in Svizzera perchè crede fermamente nel fatto che un libro aiuta la crescita culturale, sociale e affettiva.

Io, oggi, voglio comprare, regalare, scoprire e ritrovare un libro: perchè, in ogni libro che ho letto, ho lasciato un pò di me, e in quelli che ancora devo leggere, sono sicura di scoprire qualcosa di me che ancora non conosco.

Buona lettura!


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

I segreti delle donne

La donna nasconde un segreto. Sempre Il segreto del seme Il segreto del frutto Il segreto della luce Il segreto del buio
La donna nasconde un segreto. Sempre. Il segreto del fuoco Il segreto dell'acqua
Il segreto del bene
Il segreto del male Il segreto della vita Il segreto della morte
La donna nasconde un segreto. Sempre.


© Ramona Granato, 2017. All rights reserved.  Riproduzione vietata se non su richiesta.

Segnalazione: Mancanza di Ilaria Palomba

Mancanza Ilaria Palomba Augh edizioni dal 5 ottobre in libreria
Già conosciuta al pubblico come narratrice, Ilaria Palomba torna sugli scaffali delle librerie continuando a sperimentarsi anche nella poesia. Assenza, abbandono, bellezza, vita, parole che tornano e ritornano nelle pagine di Palomba, e pure e ancora è forte e prepotente il richiamo alle conseguenze del dolore e a una stagione della vita in cui vivere significa “sporcarsi” con il dolore, sentirlo, viverlo. Non ci sono filtri nei versi e nei sentimenti che rivela Mancanza (Augh Edizioni). Non c’è consolazione, né rassicurazione: l’autrice consegna ai lettori poesie, sentimenti, assenze e imperfezioni della vita che a essa stessa si mischiano. Mancanza, racconta Antonio Veneziani nella prefazione, si muove tra filosofia e metafisica, tra spirituale e reale, tra verità e presunta autenticità, tutto ciò potrebbe condurre su strade disperanti e disperse, invece Ilaria Palomba, lontana da psicologismi di maniera e da avanguardism…