Passa ai contenuti principali

Buona domenica... e lasciatemelo dire!

Buona domenica. No, non sto parlando del programma televisivo, per l'amor di Dio, lasciamo stare... Mi riferisco proprio all'augurio che ci si scambia nel giorno che segna lo stacco della settimana. "Il giorno del Signore" avrebbe detto mia nonna.

Sinceramente è un'abitudine, quella di augurare "buona domenica", in cui non ci vedo niente di particolarmente strano. O almeno, non ci vedevo niente di strano. Fin quando un amico mi ha fatto notare che è una cosa dell'altro secolo.
Passata la prima perplessità, ho iniziato a notare dove si dice ancora "buona domenica" e, in effetti, ho visto che si dice: 1. fuori alle chiese in uscita dalla messa; 2. nelle crocchie di pensionati fuori alla posta; 3. in ambienti dove la domenica è ancora domenica e non la fine del weekend.

Voi pensatela come volete: pure se può sembrare una cosa da vecchi, chissà perchè a me piace dirlo, mi piace augurarlo.
E oggi è domenica, quindi... Vi auguro BUONA DOMENICA con una delle opere di Dalì che da sempre - da quando ce l'avevo nell'antologia di italiano della prima media - non smette di affascinarmi e incuriosirmi coi suoi orologi molli e che in seguito ho scoperto chiamarsi "La persistenza della memoria". Buona domenica a tutti! ;-)

Commenti

  1. A me piacciono in generale gli auguri di un qualche cosa di buono, quindi anche "buona domenica".
    Buona domenica
    Eleonora ;)

    Ps mi stai quasi facendo tornare la voglia di riscrivere per un blog che non sia di cronaca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica anche a te! E se è stata una domenica che ti ha fatto tornare la voglia di scrivere, in qualsiasi modo, secondo me è stata una splendida domenica! ;)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…